Amarena Magazine - La Rivista che ha Gusto!Homepage - Amarena MagazineInterviste - Amarena MagazineArte - Amarena MagazineCinema - Amarena MagazineComics - Amarena MagazineModa - Amarena MagazineMusica - Amarena MagazineViaggi - Amarena MagazinePoesie - Amarena MagazineRicette - Amarena MagazineWebspace - Amarena MagazineFavole - Amarena Magazine

Ambra Lo Faro, in arte "Mafy"
di Silvia Capriata


Ambra Lo Faro, Mafy - Amarena Magazine

Come definiresti il tuo stile?

Un po' bon ton nella vita di tutti i giorni, più funky durante le mie performance musicali. Lo stile direi di una ragazza di 20 anni appena uscita dall'adolescenza, e che sta pian piano diventando una donna.

Ti saresti mai aspettata un successo così presto nella tua vita?

Il mio obiettivo non è mai stato il successo, e credo che quello debba ancora arrivare nel vero significato della parola, anche se sono davvero grata ai ragazzi che mi seguono, sono tantissimi e di certo non me lo sarei mai aspettata, tanto meno così presto. E' per questo motivo che ci tengo tantissimo a rendere protagonisti i fans di quello che mi succede, siamo una vera e propria squadra insieme.

Una canzone che ti rappresenta?

Direi "Just the way you are" di Barry White... (anche se la sua è una delle mille versioni che esistono, è quella che mi tocca di più.

Modello musicale a cui ti ispiri?

La prima che mi viene in mente è senza dubbio Beyoncè, ma anche Alicia Keys non è da meno. Un'artista completa, come dico sempre, sul modello americano di artista: cantante, attrice, musicista, e di buona presenza scenica sul palco!

Ambra Lo Faro, Mafy - Amarena Magazine

Progetti per il futuro? Sei stata recentemente a Los Angeles, che cosa ci racconti in merito?

I progetti per il futuro sono tantissimi, oggi più che mai. Ho appena ottenuto la Green Card, quindi il mio desiderio sarebbe quello di poter lavorare a Los Angeles con la mia manager Ginger McCartney, la mamma di Jesse McCartney, con cui collaboro da tempo. Il mio ultimo viaggio in California è stato un vero boom di notizie: per scaramanzia non si dice nulla, ma posso confidarvi che i meeting che ho fatto sono andati alla grande!! Per il resto, oltre al lato artistico vorrei poter concludere i miei studi in Ing. Meccanica, l'altra mia grande passione...

Come definiresti l'arte?

L'arte è il modo più affascinante e meno banale di raccontare la vita. Ti permette di fantasticare, di immaginare, e di trasportare i tuoi concetti in qualcosa di estremamente armonioso, perfetto, completamente distaccato da tutto quello che è grave; la tua vera realtà , disordinata e piena di incoerenze. L'arteè il dono più grande che come uomini potevamo ricevere, l'arte e l'amore.

Come ti senti quando ti esce fuori una canzone che rispecchia esattamente quello che intendevi esprimere?

Mi sento libera. Mi sento pienamente me stessa, come quando ti innamori di una persona, e tutto ad un tratto capisci che non hai più bisogno delle maschere che ti impone la società, ma sei finalmente tu. E' una ricerca continua, perchè spesso, quasi sempre, le parole sono troppo poco per dire le cose che sento.

Ambra Lo Faro, Mafy - Amarena Magazine

Cosa ci racconti della tua esperienza in Disney? E in RAI?

Entrambe queste esperienze sono estremamente positive per me. Disney mi ha regalato il mio pubblico, 8 anni di registrazioni, una squadra con cui sono cresciuta e ho passato tutta la mia adolescenza. Con Disney ho fatto il mio primo viaggio in America, e pure il secondo, per lavoro. La Rai è sicuramente stato un grandissimo passo per me, nonostante Disney Channel sia un canale seguitissimo, entrare come conduttrice su Rai 2, un canale nazionale, è stata una durissima prova, ma Cartoon Magic sta andando benissimo, e ha ottenuto buoni riscontri già dalle primissime puntate, e anche il team di Showlab è stato davvero formativo per me, oltre che divertentissimo! Grazie alla Rai ho modo di farmi conoscere come una vera conduttrice, e artisticamente questo è davvero molto per me.

Se ti trovassi su un'isola deserta e dovessi portare solo tre cose, quali sarebbero?

Senza dubbio il mio ipod, con su i grandi classici Jazz, un bel rifornimento di gelato alla nocciola, e l'ultima... bhe, l'ultima non ve la dico, altrimenti in questa intervista non resterebbe neanche un sottile velo di mistero no? ahah ;)

Se ti dico Amarena, cosa ti viene in mente?

Direi "una tira l'altra", come le pagine di questo splendido magazine a cui auguro con tutto il cuore tanta fortuna!!! :)